venerdì 8 febbraio 2013

.

Secondo Feuerbach, siamo quel che mangiamo.
quindi chi non mangia..
è il niente?

12 commenti:

  1. Sembrerebbe una logica conclusione.

    RispondiElimina
  2. Sarebbe una(errata) conclusione semplicistica e totalmente volta ad assecondare un tuo pensiero.
    Feurebach dice anche mens sana in corpore sano.
    Feurebach dice, siamo quel che mangiamo perchè una testa volta alla tensione per il non cibo non può essere una testa capace di funzionare al 100%.
    Non mangiare, non offrire a te e agli altri il massimo delle tue possibilità.
    Ecco cosa dice Feurebach

    RispondiElimina
  3. No perchè l'uomo è pieno di sentimenti. Oltre a quello che mangiamo siamo anche quello che proviamo e pensiamo.

    RispondiElimina
  4. Non lo so, credo che chi non mangia è come se volesse privarsi prima di tutto delle emozioni e della vita, dicono. Io però adesso che mangio mi sento mille volte più vuota...mentre quando non mangiavo dentro avevo un vortice di emozioni. Per me il cibo è diventato un anestetico, dipende dai punti di vista.
    Ti stringo

    RispondiElimina
  5. Sarebbe troppo semplice se fossimo solamente quello che (non) mangiamo.

    RispondiElimina
  6. Chi mangia e vomita allora cos'è? :O

    RispondiElimina
  7. ma essere il niente è negativo? e poi magiare... nutrirsi... può essere fatto solo con il cibo? a me piace pensare che possiamo nutrirci anche di emozioni, sentimenti...
    possiamo nutrirci di vita

    RispondiElimina
  8. Vorrei non essere niente. ti seguo<3

    RispondiElimina
  9. E se Feuerbach rompesse meno il cazzo?

    Ti penso, ti sento

    RispondiElimina
  10. E' estremamente riduttivo dare un'interpretazione dl genere delle parole di Feuerbach. Esse devono essere considerate come coscienza universale ovvero Feuerbach ci vuole dire che noi facciamo parte della natura e solo in essa realizziamo la nostra immortalità. Non è un discorso individuale, ma collettivo. Animo ragazze!!!!

    RispondiElimina
  11. lo sa solo chi lo prova. Ma no credo al niente. Noi non possiamo essere il niente nemmeno quando lo sentiamo addosso o lo percepiamo. Siamo molto di più del semplice, vuoto, oscuro "niente". Continuano a dirci che valiamo più di quel che ci valutiamo personalmente. Dovremmo imparare a ritrovarci in questa mare del nulla.
    Forza e coraggio, ti abbraccio.

    RispondiElimina
  12. Non so risponderti.
    Ma,essere il nulla,non mi dispiacerebbe affatto.
    Ti seguo.

    RispondiElimina